Testi
A LEGGENDA DU PISCATURI
(M. Giannone – R. Giannone)

Chidda chi cuntu è una storia           (Quella che racconto è una storia)
O una leggenda di mari                    (O una leggenda di mare)
Ma tutti ‘a sannu cuntari                  (Ma tutti la sanno raccontare)
Vicenzu era ‘a piscari                        (Vincenzo era a pescare)
‘na varchicedda’i lignami                  (Una piccola barca di legno)
‘na linzicedda ‘a ‘tri ami                   (Una lenza con tre ami)
Mentri ‘u suli battia                         (Mentre il sole batteva)
A prua un cantu sintia                     (Ha sentito un canto da prua)
Era dda e di l’acqua niscia               (Era li e usciva dall’acqua)
E mentri ‘u suli sbiddiava                (E mentre il sole splendeva)
E mentri ‘u cori battia                     (E mentre il cuore batteva)
Ammenzu ‘u mari chiancia              (In mezzo al mare piangeva)
Avia chiossai di deci anni               (Era da più di dieci anni)
Chi di stu luttu ‘un niscia                (E da quel lutto non ne veniva fuori)
‘Ddu jornu ‘a vita riria                      (Ma quel giorno la vita sorrideva)
C’era cuè chi ù chiamava ‘u fodde   (C’era chi lo chiamava “il pazzo”)
C’era cu ù difinnia                            (C’era chi lo difendeva)
C’era cuè chi ù chiamava ‘u fodde
C’era cuè chi ù chiamava ‘u fodde
C’era cu ù difinnia
C’era cuè chi ù chiamava ‘u fodde
Mentri ‘u suli battia
A prua un cantu sintia
Era dda e di l’acqua niscia
C’era cuè chi ù chiamava ‘u fodde
C’era cu ù difinnia
C’era cuè chi ù chiamava ‘u fodde
C’era cuè chi ù chiamava ‘u fodde
C’era cu ù difinnia
C’era cuè chi ù chiamava ‘u fodde
‘a leggenda du piscaturi
a leggenda du piscaturi fodde
‘a leggenda du piscaturi



LA SCELTA
(M. Giannone – R. Giannone)

Ed io trattengo il fiato
Di legno consumato
I miei pensieri come aghi
Nei meridiani
Son polvere di roccia
Riposano nell’acqua
Che beve le parole
E poi le offre al sole
E dentro al buio più profondo
Ho immerso la mia testa
E guidato dal tuo odore
Ho abbracciato la mia scelta
Qualcosa rimarrà che noi
Dovremo vivere e guidare
Qualcosa rimarrà che poi
Vivrà e guiderà noi
Nei miei segreti ho
Trovato la mia vita
Nelle parole poi
La strada
Io ti ho parlato e tu
Dormivi o almeno i tuoi
Occhi erano chiusi
Tremavo in te
E dentro al buio più profondo
Ho immerso la mia essenza
E guidato dal tuo odore
Ho abbracciato la mia scelta
Qualcosa rimarrà che noi
Dovremo vivere e guidare
Qualcosa rimarrà che poi
Vivrà e guiderà noi




LA LUNA E GIOVE
(R. Giannone - M. Giannone)

Tutti i giorni all’imbrunire il sole depone le sue uova nel mare
Ed è così che nascono le stelle marine
La Luna e Giove come legate da un filo continuano a danzare
vedendo gli uomini nascere e morire
Come l’urlo soffocato nel sogno ha il potere di svegliarti
Il ricordo del suo corpo vero o falso
arroventa l’anima drizza la schiena
Fa urlare la mia pelle dalle braccia agli zigomi
Caro amico vecchissimo le braccia sono le mie ma l’abbraccio è il tuo
Tu conosci il segreto di tutta la vita…
Ho affidato la mia sedia alla luce della Luna l’ho lasciata li da sola questa notte
Ho nascosto nell’acqua i miei passi insonni la mia inquietudine
È consapevolezza la mia felicità
Caro amico vecchissimo le braccia sono le mie ma l’abbraccio è il tuo
Tu conosci il segreto di tutta la vita
Che ti passa davanti…




LIBERA IL TEMPO
(M.Giannone – R.Giannone)

Nell’ultimo fuoco che nega le forme
Scrive la luce di un lampo
La pioggia che asciuga la polvere bianca
Terra battuta di un campo
Senza peso la realtà
Libera il tempo
Libera
Senza peso la realtà
E sento il mio corpo nel filo di un’alga
Che danza col polso del mare
E sento la vita del prima e del dopo
Adesso, in questo istante
Senza peso la realtà
Libera il tempo
Libera
Senza peso la realtà




ROSA PARKS
(M. Giannone – R. Giannone)

Fu lungo quel viaggio
Ebbe il coraggio
Di dire di no
E la storia cambiò
Per sempre
No... e la storia cambiò
Per sempre
* ”Ho sentito una determinazione
Vestire il mio corpo
Come una coperta
Su una notte d’inverno”
La storia cambiò
Per sempre
Quel primo dicembre
La storia cambiò
No more no more
I’ll get up for you
*citazione Rosa Parks




EL PUEBLO
(R.Giannone – M.Giannone)

Occhi chiusi alla realtà a sbranare vita e stento
Mani bianche e morbide senza segni di tormento
Sfiorano viscide la realtà
Abili, vive solo a metà
El Pueblo reclama passion y amor…
Sartorie nevralgiche con poltrone in pelle rossa
Con i piedi stabili sulla testa di chi resta
Sfiorano viscide la realtà
Abili, vive solo a metà
El Pueblo reclama passion y amor…
El Pueblo reclama passion y amor…
Il silenzio qua
Urla in faccia forte
Sogni e lacrime
Dentro mani sporche
Ho bisogno di te lo sai
Resta vivo sai resta vivo sai…
El Pueblo reclama passion y amor…
El Pueblo reclama passion y amor…




STORIA E MEMORIA
(M.Giannone – R.Giannone)

Odore di fango e terra
Di una terra che si muove
Che ti lascia affondare nel passato
Che ti tiene in piedi nel presente
Odore di legno e pietre
Che come tanti piccoli e grandi occhi
Sono storia e memoria
Sono storia e memoria
Un viaggio che comincia scavando un’espressione
Che va avanti dissacrando mente e corpo
Che mira a cancellare l’esistenza e l’individuo
A massacrare la dignità, i sensi e le emozioni
Pareti di volti ignari che con la loro non consapevolezza
Illuminano la tristezza, la rabbia, la commozione
Pareti di volti consapevoli che descrivono paura
fede, devastante lucidità
E torna ancora la domanda
E torna ancora la domanda
Ma nel nome di chi?
Nel nome di chi?
Nel nome di che cosa?




THE FLOWERS ARE IN RED
(M. Giannone – R. Giannone)

Tonight
I turn off the light
Tonight
I turn off my blues
Flowers are in red
In the river
Flowers are in red
Flowers are in red
I’ll light all the candles
Tonight
I blow out the moon
Flowers are in red
In the river
Flowers are in red
In the river
Tonight
Flowers are in red
Flowers are in red
Flowers are in red
Flowers are in red
In the river
Flowers are in red
In the river
Tonight
Flowers are in red
Flowers are in red




I AM YOUR VOICE
(M. Giannone – R. Giannone)

My world
I say
I am your voice
My world
I say
I am your voice
Because I touch
Your soul
Because I touch
Your soul
I am all
Sugnu terra e sugnu mari   (sono terra e sono mare)
Sugnu terra e sugnu mari
Dintra ‘a petra ‘cchiù dura e ‘cchiù nica (dentro la pietra più dura e più piccola)
Dintra ‘a petra ‘cchiù dura e ‘cchiù nica
Sugnu terra e sugnu mari
Sugnu terra e sugnu mari
Dintra ‘a goccia ‘cchiù ‘nfunnu e ‘cchiù nica  (dentro la goccia più in fondo e più piccola)
Dintra ‘a goccia ‘cchiù ‘nfunnu e ‘cchiù nica
My world
I say
I am your voice
My world
I say
I am your voice
Because I touch
Your soul
Because I touch
Your soul
I am..
Sugnu terra e sugnu mari
Sugnu terra e sugnu mari
Dintra ‘a goccia ‘cchiù ‘nfunnu e ‘cchiù nica
Dintra ‘a goccia ‘cchiù ‘nfunnu e ‘cchiù nica
Sugnu terra e sugnu mari
Sugnu terra e sugnu mari
Dintra ‘a goccia ‘cchiù ‘nfunnu e ‘cchiù nica
Dintra ‘a goccia ‘cchiù ‘nfunnu e ‘cchiù nica
E sugnu terra (e sono terra)
E sugnu focu (e sono fuoco)
E sugnu acqua (e sono acqua)
E sugnu ventu (e sono vento)




MONDI UGUALI
(M. Giannone – R. Giannone)

Continuo a scrivere di storie
Code in bocca ai cani
Attraversando le mie lune
Cospargendo i semi
Battendo i denti dentro al freddo mantrico di un sole
Che non sa più scaldare
E consumando i miei respiri e le mie suole
Lascio cadere le ginocchia in mare
Stringo il dolore come sabbia tra le mani
E poi lo lascio andare
E lentamente immergo tutto il corpo
Ma la testa è fuori
Come a lavare le mie sintesi
Le indecisioni
E poi mi lascio totalmente sprofondare
Fino a sentire con le orecchie il cuore
Ho porto le mie cime verso mondi uguali
Che si credevano diversi
per volere altrui
ho sussurrato la mia scelta tra le loro mani
ma l’han lasciata andare



ARIA E CEMENTO
(M. Giannone – R. Giannone)

L’unica cosa al mondo
Che potrebbe farmi stare bene in questo momento
Sarebbe fare l’amore con te
L’unica cosa al mondo
Che potrebbe farmi stare bene in questo momento
Sarebbe fare l’amore con te
Le tue parole son come vento
A scardinare aria e cemento
Cauterizzando l’anima a stento
L’unica cosa al mondo
Che potrebbe farmi stare bene in questo momento
Sarebbe fare l’amore con te
L’unica cosa al mondo
Che potrebbe farmi stare bene in questo momento
Sarebbe fare l’amore con te
La verità che fugge alla luce
Di un tanto atteso e incauto ritorno
È come acqua che beve il tempo
Odiami
Più che puoi
Brucia i giorni fragili
Ma lasciati vivere
Odiami ma credimi
Sputa i fiori gracili
E recidi il tempo
Che è per noi




VALORE
(E. De Luca – M. Giannone – R. Giannone)

Considero valore ogni forma di vita
La neve, la fragola, la mosca
Considero valore il regno minerale
L'assemblea delle stelle
Considero valore il vino finché dura il pasto
Un sorriso involontario
La stanchezza di chi non si è risparmiato
Due vecchi che si amano
Considero valore quello che domani non varrà più niente
E quello che oggi vale ancora poco
Considero valore tutte le ferite
Considero valore risparmiare acqua
Riparare un paio di scarpe
Tacere in tempo
Accorrere a un grido
Chiedere permesso prima di sedersi
Provare gratitudine senza ricordare di che
Considero valore sapere in una stanza dov'è il nord
Qual è il nome del vento che sta asciugando il bucato
Considero valore il viaggio del vagabondo
La clausura della monaca
La pazienza del condannato
Qualunque colpa sia
Considero valore l'uso del verbo amare
E l'ipotesi che esista un creatore
Molti di questi valori
Non ho conosciuto




FINO ALL’ULTIMA STELLA
(M.Giannone – R.Giannone)

Un tepore nell’orecchio
L’alterno movimento di un piccolo ventre
Nel gesto della vita
Un respiro di un sonno vicino e quel tepore
Che scivola fino al cuore
Che prende il tempo e lo scandisce
E risuona la materia intorno
Riecheggia
Fino al centro della terra
Fino all’ultima stella






ZAGARA
(M. Giannone – R. Giannone)

La luna piena ingravida i ricci dentro il mare
É un fuoco lento nell’anima questo profumo
Ho camminato come ogni sera per arrivare qua
Da dove passa zagara il più bel fiore
É come un sogno da cui mi sveglio
Che un nuovo giorno è qua
Sottile alba infilza già le mie persiane
E vibra il tempo di una campana che mi riporta qua
tra poco passa zagara il più bel fiore




MANDALA
(M. Giannone – R. Giannone)

Gli alberi i principi della fede
Puoi sentirli recitare
Quando il vento li accarezza
Tocca l’anima
L’ acqua che riposa nelle culle
Di uno stagno dentro il mare
Quando il sole l’accarezza
Nasce il sale
Ventu     (vento)
Sentu     (sento)
Ventu cauru     (vento caldo)
Sulla mia pelle
Sulla mia pelle
Al crepuscolo ogni sera
Ogni suono ha un silenzio
E nel cielo di Marsala
Un nuovo mandala
Ventu
Sentu
Ventu cauru
Sulla mia pelle
Sulla mia pelle
E assummari ‘ru mari      (e riemergere dal mare)
E assummari ‘ru mari assummari
E assummari ‘ru mari assummari ‘ru mari
Pi taliari      (per guardare)
‘Na poesia ri culura      (una poesia di colori)
chi toccanu ‘u cori      (che toccano il cuore)
Lu me cori      (il mio cuore)
Lu me cori




UN FIORE CHE STA AL SOLE
(M. Giannone – R. Giannone)

E sentire sul corpo una storia d’amore
E una gran confusione che sta per finire
E sul letto di fiori ci sono colori
E una donna che sento mi farà morire
Una camera bianca, una luce che incanta
Un uccello che canta ad un giorno che vanta
Una brezza soave che mi eccita il cuore
E un profumo d’amore che mi fa star bene
E guardarla dormire e vedere i suoi sogni
Dipingersi sopra ad un viso sereno
Poi viaggiare lontano con la fantasia
E sentirla già mia
E riuscire a dirle un miliardo di cose
Senza pronunciare una sola parola
E riuscire a sorriderle
Senza pensare di poter sbagliare
E sentire sul corpo una storia d’amore
E una gran confusione che ormai sta per finire
E nell’alba che da oggi porterà il suo nome
Troverò la forza per ricominciare
É un sentiero di luce che va verso il sole
Un giorno di festa in un abito nuovo
Uno sguardo, una voce che riempie il cuore
Anche quello che sembra bucato e non vuole
É una mano che stringe una parola vera
Una foto che vive da cent’ anni appena
L’importanza di quello che le sto per dire
É che mi fa morire
É un’emozione vera
Che con un pò di coraggio
Si può anche sognare di tenere intera
É un fiore che sta al sole
E dona la sua essenza al cielo



NUOVE MEDICINE
(M. Giannone – R. Giannone)

Macchine già pronte chiuse nei box dell’inferno
Destinate a migliorare, nascoste dal potere
Religioni trasformate sotto grandi occhi
Con l’intento dei potenti, a controllar le menti
Medicine nuove contro l’arte di chi uccide
Ben protetto da chi dentro il pugno, stringe il mondo
Pietre mai scagliate contro l’arroganza
Di un patriottismo falso travestito da eleganza
Scio-i sciohô: Nio ze sô     (*Ogni fenomeno della vita consiste di: aspetto)
Nio ze sciô Nio ze tai        (natura, entità)
Nio ze richi Nio ze sa        (potere, azione)
Nio ze in Nio ze en            (causa interna, relazione)
Nio ze ca Nio ze hô           (effetto latente, retribuzione)
Nio ze honmac-cuchiô tô   (e della loro coerenza dall’inizio alla fine)


Del non dimenticare mai si nutre la vendetta
Anche se gli anni han cancellato, chi l’ha provocata
Vite accarezzate da una visita indiscreta
Spesso fulminante, quanto spesso anche scacciata
Mano per paura di morire in modo infame
Scava pochi metri per saziare quella fame
Che mani bianche sotto e nere sopra stan toccando
E mani bianche sotto e sopra stan dimenticando
No

*Tratto dal secondo capitolo del Sutra del Loto



E ‘CCA ‘MMANU E’
(M. Giannone – R. Giannone)

E ‘cca ‘mmanu è    (ed è qui nelle mie mani)
‘cca ‘mmanu è
E ‘cca ‘mmanu è
‘cca ‘mmanu è
E ‘cca ‘mmanu è
‘cca ‘mmanu è
E ‘cca ‘mmanu è
‘cca ‘mmanu è
Lu me cori   (il mio cuore)
Lu me cori
Lu me corimè




CORIMÈ
(M. Giannone – R. Giannone)

Ancora prima chi nasci ‘u suli             (Ancora prima che nasca il sole)
‘I varchi stannu tagghiannu ‘u mari      (Le barche tagliano il mare)
E na li manu asciddica rimannu          (E nelle mani scivola remando)
‘U so rispiru prigannu                         (Il suo respiro pregando)
E senti friddu ‘na stu desertu              (E sente freddo in questo deserto)
Cu l’occhi chini di acqua e Sali           (Con gli occhi pieni di acqua e sale)
‘Nu mari ‘nu mari                               (Nel mare)
E na stu jornu chi va nascennu           (E in questo giorno che nasce)
A peddi pigghia culuri                        (La pelle si colora)
E mentri ‘u cielu si sta dapennu         (E mentre il cielo si apre)
I vrazza ’un sentinu cchiù duluri          (Le braccia non sentono più dolore)
‘Un senti friddu ‘un senti scantu         (Non sente freddo non sente paura)
E l’occhi s’inchinu di chiantu              (E gli occhi si riempiono di pianto)
‘Nu mari ‘nu mari Nel mare
Corimè… corimè...
Corimè… corimè...
Corimè… corimè…
Con una media esagerata all’anno
Arrivano sulle nostre coste “numeri”
Di colori diversi
E tra questi uomini con la speranza nel cuore
Con la famiglia in mano al destino
Donne con la disperazione stretta dentro ai pugni
Madri incinta di figli veri e spesso madri di figli finti
Tenuti in vita solo in cambio
Di un biglietto per una carretta di mare
Tenuti in vita solo in cambio di un pò di soldi da giocare
Tenuti in vita solo in cambio di un favore da restituire
Quei piccoli cuori da donare




NURU
(M. Giannone – R. Giannone)

E taliami nall’occhi quannu ti parlu         (Guardami negli occhi quando ti parlo)
E ti voti e ti rivoti suspirannu                  (Ti giri e ti rigiri sospirando)
Supra ‘u munnu si camina senza scantu (Sopra il mondo si cammina senza paura)
Soccu addiri tu l’addiri senza affannu     (Ciò che devi dire dillo senza affanno)
È ‘u muturi di stu munnu l’amuri…         (É il motore di questo mondo.. l’amore)
È ‘na cosa senza tempu…                   (É una cosa senza tempo...)
È ‘na danza dintra ‘u ventu l’amuri…      (É una danza dentro il vento... l’amore)
È ‘na fogghia ballerina                         (É una foglia ballerina)
Ninna nanna ‘a cu unn’avi nenti             (Ninna nanna per chi non ha niente)
Chi talia nall’occhi sempi                     (E ti guarda negli occhi sempre)
E ti ricinu ‘a virità E si nuru tu…           (Occhi che dicono la verità E sei nudo tu…)
Ninna nanna ‘a cu unni po’ cchiù          (Ninna nanna a chi non ne può più)
Quannu ‘u cori nun trema cchiù           (Quando il cuore non trema più)
Ti scummogghia ‘a virità                      (Ti sveste la verità )
E si nuru tu                                        (E sei nudo.. tu)
È ‘u muturi di stu munnu l’amuri…        (É il motore di questo mondo.. l’amore)
È ‘na cosa senza tempu…                   (É una cosa senza tempo...)
È ‘na danza dintra ‘u ventu l’amuri…      (É una danza dentro il vento... l’amore)
È ‘na fogghia ballerina                         (É una foglia ballerina)




SPECCHI
(M. Giannone – R. Giannone)

E se le nuvole venissero giù a pezzi
Scaldate e sciolte da una pioggia rossa
E se l’acciaio si sciogliesse
Ridiventando acqua
Vorrei che si restituisse la fantasia
Dove il sudore è come il sangue
Che si ripulissero dalla melma nera
Quel cibo, quel sorriso
Grassi di potere
Innamorati di un amore egoista
Che non emana luce
Al di fuori delle proprie quattro mura
Mai stanchi di osservare e possedere il mondo da dietro
Senza guardarlo neanche in faccia affossandogli la testa
E se per loro non c’è Dio
Non c’è religione
Ci resta solo la speranza di chi riflette l’amore
Quello vero, sugli altri
Come fossero specchi coccolati dal vento
Ad illuminare il mondo
Di notte e di giorno




VOLA
(M. Giannone – R. Giannone)

Vola vola
Vola vola
Vola vola
Sunnu du simani chi nascisti Sei nato da due settimane
E già voli dintra ‘u cielu E già voli nel cielo
Sunnu nichi ‘i cristiani Le persone sono piccole
E tuttu ‘u munnu Tutto il mondo è piccolo
Vola vola dintra ‘u cielu Vola nel cielo
Vola vola ma si senti ‘u bottu Vola vola ma se senti uno sparo
Vola cchiù luntanu chi poi Vola più lontano che puoi
Cchiù luntanu chi poi Più lontano che puoi

Abbiamo vinto la XIII edizione del contest Americano INTERNATIONAL SONGWRITING COMPETITION (ISC) nella categoria World, votati da una giuria formata dai grandi della musica, tra gli altri Pat Metheny, Tom Waits e Robben Ford.


Così parla di noi l’ MC2 Théâtre di Grenoble (Fr):
Les frères Giannone sont des Siciliens d’un clan particulier : celui des poètes qui tissent sereinement des compositions aux sons chauds ; celui des gens qui « attachent de la valeur au vin tant que dure le repas, au sourire involontaire, à la fatigue de celui qui n’est pas épargné ». Au fil de leurs ballades aux tonalités pop-folk, se dessinent des paysages saturés de couleurs et bruissant de vie. Mais leurs voix savent la nuance et la retenue pour raconter l’amour et la cendre, la beauté et la mélancolie du monde, la fraternité et la cruauté du destin.Expressive et généreuse, leur musique rend aussi hommage à de grands poètes comme Erri De Luca (leur interprétation de Valore est un temps suspendu) ou, plus inattendu, à Iouri Norstein à travers un de ses bijoux de films d’animation.Pour leur nouvel album La Scelta, sorti en 2015, Maurizio et Roberto Giannone confient la direction artistique à Giovanni Ferrario (P. J. Harvey, Rokia Traoré, John Parish…) pour prendre le large bien au-delà des rives de la Méditerranée. Benvenuti a Grenoble!


Riccardo Cavrioli di Rockerilla sul nostro ultimo Cd "La Scelta":
Suono caldo e mediterraneo quello dei due fratelli Giannone, che in questo loro secondo album, evocando magie folk e trame acustiche ci rapiscono con avvolgenti melodie pop cantautorali, piglio etnico e arrangiamenti trascinanti e corposi. Roberto e Maurizio non dimenticano mai la tradizione della Sicilia, loro paese d’origine e sotto la guida sapiente di Giovanni Ferrario sanno amalgamere alla perfezione stimoli nuovi e volonta di esplorare, senza paura di cambiare lingua o umori d’espressione. Grande sensibilità e capacità di evocare profumi, aromi, inquietudini e sentimenti, dando realmente vita alle immagini evocate nei loro brani. Suggestioni musicali fortissime e toccanti.


iscriviti alla newsletter
iscriviti alla newsletter
Cliccando su Invia, accetto le condizioni
sul trattamento dei dati forniti (D.Lgs 196/03)